mini whip antenna

MINI WHIP, ANTENNA ATTIVA KIT

impronta superiore fig 1

MINI WHIP, ANTENNA ATTIVA KIT

Questa è una mia realizzazione di qualche tempo fà. E’ un progetto nato all’interno della sezione ARI Treviso sviluppato dal socio Paolo IU3KPJ che ha fornito anche tutti i materiali compreso i circuiti stampati.

Il montaggio non presenta particolari difficoltà per chi ha una certa manualità in questo tipi di montaggio dove ci sono sia componenti a foro passante sia SMD. Potrebbe essere la prima esperienza di montaggio SMD perchè sono pochi e facili da saldare.

L’antenna è composta da due parti. L’antenna vera e propria e l’alimentatore/separatore.

Incominciamo vedere il circuito stampato dell’antenna, la placchetta nera superiore è la superficie che capta i segnali, collegata al circuito stampato vero e proprio tramite un collegamento. I componenti da saldare sono tutti SMD ad esclusione del connettore femmina BNC che va all’alimentatore ma che porta anche i segnali radio amplificati. Lo stampato è ad unica faccia.

circuito stampato fig 2

L’impronta sul circuito stampato dei componenti SMD è mostrato in figura 1 che ripropongo.

impronta superiore fig 1

Adesso vediamo lo schema che è molto semplice, figura 3.

schema fig 3

L’amplificatore è a larga banda aperiodico si compone da un FET, Q1 e da un BJT NPN Q2 che ha la funzione di separatore e adattatore di impedenza. L’impedenza L1 serve separare la tensione di alimentazione dal segnale a radio frequenza amplificato. In particolare il condensatore C3 serve ad accoppiare il segnale verso il cavo coassiale e bloccare l’alimentazione in continua che arriva dal cavo coassiale e prosegue verso il BJT e il FET attraverso L1.

La Prossima foto mostra il mio montaggio.

particolare antenna

Adesso ci occupiamo dell’alimentatore. Serve permettere l’alimentazione dell’amplificatore dell’antenna tramite il cavo coassiale. Ha componenti sia a foro passante sia SMD. La figura 4 mostra lo schema.

schema alimentatore fig 4

Il conettore X1 è l’entrata dei 12 Vcc, il conettore BNC di destra va all’antenna, mentre il conettore BNC di sinistra va al ricevitore. Da notare L1 e C3 che hanno le stesse funzioni come nell’antenna, L1 impedisce che la radio frequenza vada verso i 12 Vcc, mentre C3 impedisce che l’alimentazione a 12 Vcc vada verso il trasformatore e poi a massa mandandola in cortocircuito.In pratica questi due componenti tengono separate la radio frequenza dalla alimentazione in continua per permettere che entrambe possano usare lo stesso cavo coassiale. Il trasformatore con rapporto spire 1:1 è un separatore tra ricevitore e antenna. Io l’ho costruito utilizzando 24 pollici di conduttore di rame smaltato nr.30 piegato a metà ho poi attorcigliato circa 10 volte i due conduttori per loro intera lunghezza e poi ho avvolto 14 spire nel torroide. Si ricorda che le spire si contano ogni volta che i conduttori passano all’interno del torroide, anche la prima volta. Adesso si taglia il conduttore dove era stato piegato e si toglie la vernice da tutti 4 i capi, si individuano i due avvolgimenti e si salda, un avvolgimento verso l’uscita e un avvolgimento verso l’entrata.

Questa è il circuito stampato . Figura 5.

circuito stampato alimentatore fig 5

Questo è il lato impronta componenti SMD: figura 6.

impronta inferiore alimentatore fig 6

Bisogna fare attenzione alle polarità di C5, elettrolittico, il più grande, si fa per dire.

Ed ecco l’impronta dei componenti a foro passante che, naturalmente, si saldano dalla stessa parte degli SMD. Figura 7.

impronta superiore alimentatore fig 7

Per la saldatura dei tre connettori BNC e del connettore di alimentazione, ho usato un saldatore istantaneo da 150 W, mentre per tutte le altre saldature ho usato un saldatore da 30 w punta fine e stagno da 0.6 mm con anima.

La prossima foto mostra il particolare dell’alimentatore.

particolare alimentatore

Mentre questa è la visione d’insieme.

antenna completa

Ho provato l’antenna collegandola al mio Kenwood TS 850 SAT ho verificato che funziona ma le sue prestazioni nelle bande radioamatoriali sono inferiori al dipolo 40/80, mentre funziona bene sulle bande broadcasting in AM. L’antenna era situata all’interno sopra il tavolo.

Ultima cosa, questa è una antenna solo per ricezione, non bisogna usarla in trasmissione.

Fiorino/i3fdz

Leave Your Comment

Your Name*
Your Webpage

Your Comment*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>